sabato 6 ottobre 2018

Backstage spot KINODROMO 2018 by Walterino

Alberto Rondalli al "Festival degli Dei" parlando di Agadah

Nato a Lecco nel 1960, Rondalli si occupa di cinema e teatro dal 1989, frequentando la scuola Europea di Milano e "Ipotesi cinema" diretta da Ermanno Olmi. Ha al suo attivo seminari di regia teatrale con Eugenio Barba e di regia cinematografica con Krysztof Kieslowski. In teatro realizza le messe in scena di "Sceriffo 2" (1990) di Renzo Casali, "Tango Notte" (1991) e "L'amante" (1992) di Harold Pinter. Al cinema realizza i corti: Tre tocchi, tre volte ('90), Il nome di un fiore ('91), Le nuvole ('92), Il temporale e le parole ('95), Nuovi esercizi ('96-97). Il mediometraggio Quam Mirabilis del 1993 gli vale la menzione special della Giuria e Miglior Recitazione al Festival Internazionale di "Molodist" a Kiev, Miglior regia al "Sulmona Cinema '94", Miglior Interpretazione al festival di "Dunkerque", Premio Speciale della Giuria al "Festival di Messina". Nel 1997 realizza il suo primo lungometraggio Padre Pio da Pietralcina, prodotto da Rai Uno; per la televisione tra il 1997 e il 1998 sigla diversi documentari per il programma A sua immagine per Rai Uno, Bonito per Rai International. Nel 2000 dirige il film Il Derviscio e nel 2007 L'aria del lago.

La splendida Elena Cucci al "Festival degli Dei"

Nasce da madre francese e padre abruzzese, originario di Poggio Picenze. Vive per un paio di anni nella provincia veronese dove la famiglia risiede per motivi di lavoro, per la stessa ragione si trasferisce a Collegno dove trascorre l'infanzia, per trasferirsi poi dapprima a Villa Adriana (Tivoli) ed infine nella capitale. La sua prima esperienza come attrice risale al 2004, quando interpreta Cleopatra in uno spot televisivo per la Cina, diretta dal regista David Tsui. Il suo debutto cinematografico avviene invece nel 2008 come protagonista femminile del film Marcello Marcello di Denis Rabaglia. Da allora nel suo percorso lavorativo si susseguono senza sosta piccole e grandi produzioni cinematografiche, televisive e web.Nel 2017 è accanto ad Alessandro Siani e Diego Abatantuono in Mister Felicità, che vince "Il biglietto d'oro" come secondo film italiano più visto nel 2017, e lo stesso anno viene scelta da Gabriele Muccino tra i protagonisti di A casa tutti bene, uscito nelle sale il 14 febbraio 2018.

Incontrando Antonio Pisu, regista di Nobili Bugie by Walterino


Qualche minuto prima della proiezione di "Nobili Bugie" all'Arena Puccini, il giovane e sicuramente talentuoso Antonio Pisu, mi rilascia un'intervista che chiarisce alcuni punti relativi alla difficile costruzione di questa particolare "Black Comedy", unica nel suo genere, almeno qui in Italia, dove spesso la Commedia è troppo "Politicamente Corretta"...Qui Pisu, lo sceneggiatore e Paolo Rossi hanno rischiato e il risultato sia di pubblico che di critica sembra ottimo...BUONA VISIONE

Intervista a Paolo Rossi, deus ex machina di GENOMA FILMS



THE HUMAN FILM//the trailer

Giorgio Diritti al "Festival degli Dei"




Targets (Bersagli) di Peter Bogdanovich



Targets (Bersagli) di Peter Bogdanovich


Un film con qualche errore e piccole sbavature qua e là, ma al servizio di una grande idea. Poi ancora attualissimo.
Ve lo racconto in 5 minuti o giù di lì...
Molti di noi sono stati affascinati durante l'infanzia dai film horror con Boris Karloff. Sì, parliamo della generazione del bianco e nero, quando l'attore feticcio dei primordi del cinema sonoro, faceva tremare le folle. Oggi, probabilmente, il terrore è un'altra cosa. E' nel mistero della normalità, della quoidianità, quando qualcuno perde il senno, sebbene per un attimo, e compie una strage. Bersagli di Peter Bogdanovich è un bridge fra i due livelli della paura.

Costruito in modo classico, si sviluppa su due strade parallele. La storia di un attore ormai obsoleto (Boris Karloff) convinto ad abbandonare la professione, nonostante un copione interessante propostogli; la vicenda di un figlio di papà, deciso a far incetta di armi per fare fuori una selva di innocenti.
E' lo scontro fra l'orrore fantastico e quello reale. Ciò che vive nella mente e quello che leggiamo quotidianamente sui giornali. Cosa può farci più paura?
Bogdanovich crea un link fra passato e futuro, dichiarando l'insostenibilità della società contemporanea e ciò che è nascosto al suo interno. E' finita l'era dei mostri di fantasia, è iniziata l'era dei mostri reali. Magistrale la sequenza del buio nella stanza di Karloff e in quella del killer (Bobby Thompson). Il terrore oggi, ci dice il regista, è alla luce del giorno, sotto i nostri occhi.