martedì 9 ottobre 2007

Nela Lucic:"Mostro il culo a Tinto Brass e non provo vergogna alcuna" (un'intervista atipica).


Festival di Venezia 2007. Mi trovo insieme ad Alex Zanotti ed al Bufalo in uno spazio adiacente al bar dell' Hotel Excelsior, uno spazio Red Bull, tutto alcool e testosterone a mille. C'è Elisabetta Canalis che dal vivo presenta un attrezzo per rassodare spalle e glutei. La Canalis sembra più tirata del solito, è molto magra, non proprio come un grissino, però per i buongustai le forme giuste al posto giusto hanno una certa importanza. Dimostra anche meno dei suoi 30 anni.
In video è meglio che dal vivo. Sarà che i pixels ingrassano. Dan Peterson diceva del grande Larry Bird,(Boston Celtics) che la TV non gli dava giustizia e che dal vivo aveva un fisico longilineo e perfetto per il basket. Sarà! Ci avviciniamo a Fabio Testi. E' ancora un figo. 65 anni, fisico da 45 enne, sorriso autocompiaciuto di uno che ha vissuto alla grande e continua a farlo. Un vero vitellone, degno figlio del boom economico. Parla con noi del suo problema con la patta dei pantaloni, capitatogli anche in teatro. Figuraccia. Si avvicina con fare piacione alla Canalis. Si presta anche a provare in diretta l'attrezzo rassodante. Lei è intimidita dalla presenza del campione. Andranno poi via mano nella mano. Lui la tromberà? Forse.
Poi una visione celestiale, altro che la Canalis. Nela Luic, attrice bosniaca appena 30enne, fisico mozzafiato, una autentica puledra. Mora, mega tette, vestito attillato, culo da capogiro, scarpe di raso con inserti d'oro e una voce sensuale.
Ho capito perchè Tinto Brass l'ha voluta come attrice nel suo ultimo film "Monamour". Tiro fuori subito la telecamera tascabile, la guardo negli occhi e dico la parola magica: "Dagospia".
Ci mettiamo in disparte per l'intervista.
Argomenti trattati:
-il culo come strumento di comunicazione visiva
-il provino con il maestro Tinto Brass
-ma le tette servono a qualcosa?
-i progetti futuri di Nela

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Il video è sicuramente arrapante, peccato che tu non l'abbia filmata a figura intera. Comunque mi sono rifatto gli occhi, guardando il suo sito. Non male, e poi ha anche una bella voce.
W Nela e abbasso Rosy Bindi

Anonimo ha detto...

Certo che se Fabio Testi ha 65 anni, io non ci arriverò mai messo così.
La Lucic mi sembra interessante, prenderò il DVD del suo film.

Walter ha detto...

Purtroppo non ero microfonato, e forse questo è un invito a nozze per andare a vedere il suo film (che purtroppo non ho ancora visto).
Evviva Nela Lucic. Bisognerebbe aprire un fan club.

Andrea ha detto...

finalmente Walter! ora mi manca solo il blog del mio scrittore preferito W. Scoccia.

Walter ha detto...

Beh, sarebbe già buono che Mastro Scoccia collaborasse anche per questo blog... nella testata in basso c'è una sua frase: "uomini apparentemente
insignificanti segnano un'originale tracciatura del tempo che stiamo vivendo"...che sintesi atipica, che atipico pensiero...

Anonimo ha detto...

A me sembra una ragazza normalissima, sìè carina, ma sembra un po' impostata, troppo teatrale.
A sto punto vorrei vederla dal vivo. Prenderò sto cazzo di film.

Anonimo ha detto...

Peccato che non si veda veramente il culo. Ma quello del filmato è il suo?
Riccardo

Walter ha detto...

No, quello di Nela è ancora più armonico rispetto a quello preso da una qualche foto sul web.
Nela Lucic Fan Club

Bufalo ha detto...

Quello che la Lucic non dice, è la controversia tra Tinto Brass e Marco Muller (meritevole per altri versi) che scoppiò alla presentazione "alternativa" del film durante il festival di Venezia del 2005 : il direttore aveva annunciato in un primo tempo una retrospettiva del maestro veneziano del cinema erotico - l'avrebbe "sdoganato", come ha fatto quest'anno per lo "spaghetti western" - poi s'è rimangiato la parola.
Forse - come ha insinuato Brass - Muller ebbe pressioni politiche dall'area centrista e cattolica.
Sarà.
Allora il veneziano prese un motoscafo a noleggio e diede spettacolo con le due attrici protagoniste, l'Anna Jimskaja (russo-ucraina di Uzbekistan) e la "nostra" Nela Lucic (italo-croata di Bosnia-Erzegovina).
Date un'occhiata qui : http://www.repubblica.it/2004/h/gallerie/veneziacine/venebrass/lapresse67259710309184321_big.jpg ... (che spettacolo).